ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
martedì 9 Agosto 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Sequestrati 60 reperti archeologici dal valore di 300 mila euro

Terracina -La Guardia di Finanza ha sequestrato sessanta reperti archeologici tra anfore, ciotole, catini e altro vasellame.
L'importante operazione era finalizzata al contrasto del fenomeno della spoliazione del patrimonio culturale.
I militari hanno eseguito 54 perquisizioni all’interno dei boxlocali, insistenti nella zona demaniale del porto di Terracina.
Venticinque uomini e due unità’ cinofile hanno proceduto alla perquisizione di locali in uso ai pescatori della zona, nonché delle abitazioni di 4 soggetti, residenti a Terracina
Tra i materiali rinvenuti, di pregevole qualità artistica, vi sono anfore e pezzi di anfore dei tipi Libico, Siriaco e Greco-Italico datate dal II Secolo A.C. al IV Secolo D.C.; Anfore di età Medievale; brocche di età Imperiale, Altomedievale e del XIV Secolo; Ollette del IX Secolo; catini e piatti in ceramica medievale.
I militari per catalogare i reperti ritrovati si sono avvalsi dell’ausilio di un Archeologo che ha potuto stimare il valore degli stessi in circa 300 mila euro.
I reperti recuperati saranno esposti nel Museo Civico “Pio Capponi” di Terracina che verrà inaugurato il 5 maggio.
Proseguono invece le indagini da parte dei militari per appurare i canali di approvvigionamento e distribuzione di quanto rivenuto nell’importante attività svolta di Polizia Giudiziaria a tutela del patrimonio culturale del paese.